Aggiornamenti ortodonzia

Aggiornamenti ortodonzia.

 

D.M.B. Distalizzatore Molare Belussi

Nel corso degli anni, sulla base delle Vostre indicazioni e della nostra esperienza, abbiamo modificato i nostri apparecchi con lo scopo di renderli più sicuri, efficaci e comodi. Ortodonzia-aggiornamenti.
Con questo breve opuscolo vogliamo renderVi partecipi ed illustrarVi le modifiche che abbiamo ritenuto opportuno realizzare.

D.M.B. – il nostro sistema distalizzante.
Ci sono stati indicati alcuni casi di infossamento del bottone con conseguente decubito sul palato.
Per ovviare a questo problema abbiamo aggiunto due braccetti occlusali sui quinti; in modo tale che il bottone risulti ancorato sia sui quarti che sui quinti.

agg-01  agg-02

I braccetti sui quinti evitano l’eccessivo infossamento del bottone

 

Biofrank.

Sempre più richiesto, come tutti gli apparecchi funzionali, l’apparecchio di Frankel è molto efficace, ma essendo composto da molte parti in filo, risulta un po’ fragile. In collaborazione con il Dr. M. Panizza, abbiamo ideato un funzionale di III classe leggero e robusto che unisca i vantaggi del Bionator III (elevazione linguale) a quelli del Frankel III (espansione superiore con apposizione ossea zona punto A). Stiamo predisponendo materiale informativo dettagliato anche per questo apparecchio.

agg-03  agg-04

Biofrank: A sx stimolazione linguale (arco palatale). A dx espansione superiore (scudi vestibolari).

 

Monoblocco.
In alcuni casi (circa il 4%) la vite risulta inefficace in espansione; soprattutto sugli apparecchi bimascellari tipo Andresen, Theuscher e Ginevra. Abbiamo utilizzato viti di produttori diversi, ma il problema è rimasto. Pertanto, nel caso in cui si voglia espandere senza incorrere nel rischio di richiusura della vite, si consiglia l’utilizzo della doppia vite.

agg-05

Monoblocco con doppia vite.
Garantisce un’espansione efficace, anche solo per l’arcata sup. senza aumentare l’ingombro dell’apparecchio.

 

Ortodonzia estetica.

Con questi apparecchi C.M. (Crozat modificati) si possono risolvere semplici spostamenti ortodontici senza dover applicare l’ortodonzia fissa. Sono stati progettati come apparecchi rimovibili, ma in caso di necessità si possono fissare in bocca applicando del composito sui braccetti occlusali. La pulizia è più semplice rispetto ad una classica ortodonzia fissa e sono invisibili.
Il nostro sistema di ortodonzia estetica non prevede solo l’applicazione di apparecchi C.M. Per ulteriori informazioni o preventivi, telefonare in laboratorio.

agg-06  agg-07

In entrambi i casi, l’ortodonzia estetica può essere rimovibile o fissata in bocca con del composito sui braccetti occlusali.

 

Espansore rapido.

Ci sono stati indicati casi in cui l’espansore a due bande si “cementa” durante la prima settimana di attivazione. Abbiamo potuto appurare che questo accade perché nella zona molare abbiamo un movimento iniziale di inclinazione e un movimento secondario di spostamento corporeo. La  torsione indicata può quindi facilitare il distacco dell’espansore.
Per ovviare a questo problema, consigliamo di applicare del composito sul braccetto dell’espansore, nella zona dei quinti, e di cementare l’espansore con cemento vetroionomerico.

agg-08  agg-09

Zona in cui aggiungere composito nel  caso di distacco.
Le quattro bande garantiscono maggior stabilità.

 

Saldature.

I fili ortodontici, le bande, gli espansori ecc. sono fabbricati con metalli non nobili (es: acciaio ). A sua volta, il materiale utilizzato per la saldatura non è nobile; ciò porta ad un processo di inevitabile ossidazione che determina una durata limitata nel tempo.
Per ovviare al problema del dissaldamento delle parti è consigliabile mantenere in bocca tali dispositivi solo per il tempo utile per la terapia ortodontica.
In alternativa è possibile saldare al laser, che dura molto più a lungo, ma presenta lo svantaggio di indebolire molto i fili ortodontici rendendo gli apparecchi fragili.
Il nostro intento è comunque quello di limitare l’uso della saldatura e di rinforzarne al massimo la resistenza quando questa si rende necessaria; ad esempio ricopriamo le parti saldate degli apparecchi C.M. con un sottile strato di resina. Su richiesta effettuiamo tuttavia anche le saldature a laser.

 

Bande.

Si sono verificati alcuni sporadici episodi di distaccamento di tubicannula dalle bande. Abbiamo quindi ritenuto opportuno  far revisionare la nostra puntatrice.
Consigliamo comunque di  non far leva sul tubocannula durante la cementazione della banda e verificare che  quest’ultimo non precontatti con l’antagonista.

 

Contenzioni.

Ci viene spesso chiesto qual è la contenzione più efficace, diamo dunque alcuni accenni.
Se sono necessarie piccole modifiche, si può utilizzare il posizionatore che permette piccoli movimenti dentali, ma risulta molto scomodo da portare.
Noi consigliamo in questo caso l’uso dello spring aligner che consente di rifinire le arcate pur essendo leggero e di lunga durata.

agg-10  agg-11

Spring aligner costruito su set-up di allineamento.

Se il paziente presenta abitudini viziate consigliamo l’E.L.N. di contenzione, che mantiene la posizione delle arcate e corregge la postura linguale.

agg-12

E.L.N. di contenzione.

Corregge le abitudini viziate. Mantiene in posizione i denti.
Sconsigliamo le pur efficaci mascherine termostampate perché hanno una durata molto limitata.
La classica placchetta tipo hawley, eventualmente con arco resinato, garantisce un ottima stabilità, è confortevole ed è in grado di essere utilizzata per periodi molto prolungati, anche di più anni.

 

Bites.

Ci vengono spesso richiesti, oltre che per problemi collegati all’ A.T.M., i bites da applicare contemporaneamente all’ortodonzia fissa.
Vengono utilizzati per rialzare l’occlusione, consentendo l’applicazione di brackets sugli incisivi inferiori in caso di morso coperto. In molti casi i bites vengono anche utilizzati come contenzione.

agg-13  agg-14

A sx bite con ganci di Dominique. A dx Helsing bite. 
Entrambi possono essere portati contemporaneamente all’ortodonzia fissa.

In conclusione teniamo a sottolineare che, come nostra consuetudine, consideriamo fondamentale il dialogo tra studio e laboratorio. Questo breve opuscolo è stato ideato con l’intento di miglioralo sempre più dando alcune brevi indicazioni.
Ogni Vostro consiglio o suggerimento finalizzato a migliorare la qualità del nostro lavoro, verrà da noi accolto con spirito costruttivo e tenuto in massima considerazione.